top of page

Roma faq

Roma e le regole non scritte

14 maggio 2000

a1-a2

Roberto Tartaglione

No

I materiali di Matdid sono scaricabili liberamente come supporto per lezioni di italiano. Ne è vietata la pubblicazione su carta o in formato digitale salvo autorizzazione.

Si può andare in motorino senza casco?

Assolutamente no. E soprattutto se i vigili ti fermano non li provocare dicendo "Ma in italia lo fanno tutti!". Si arrabbiano (anche perché non è vero). Molto meglio dire "Sì scusi, ho sbagliato."  

Perché la signora che mi ha invitato a cena, quando sono arrivato a casa sua e le ho offerto un mazzo di fiori, mi ha cacciato via?

Perché non dovevi offrirle un mazzo di crisantemi che, in Italia, si usano specialmente come fiori da portare al cimitero e da mettere sulle tombe.  

Perché il controllore in autobus mi ha fatto pagare una multa? Semplicemente perché non hai fatto il biglietto. Perciò paga senza fare tante storie (comunque è permesso dire ai-dont-spik-italian oppure nichts kapiren, nichts kapiren!). Anche in questo caso la logica del "lo fanno tutti" non funziona.  

A che ora passa l'autobus?

Prima o poi passa.

Perché il taxi che mi ha portato in albergo mi ha fatto fare una strada più lunga?

Probabilmente per evitare una strada trafficata. "I tassisti fanno una strada più lunga per guadagnare di più!!!" è un'idea quasi sempre sbagliata: il massimo del guadagno, per un tassista è alla partenza. Quindi molto meglio 2 persone che fanno un chilometro che un passeggero che fa tre chilometri, no?  


Perché gli italiani al mare dopo mangiato aspettano almeno due ore prima di fare il bagno?

Perché è scientificamente provato da tutte le mamme che se si fa il bagno senza aspettare due ore dopo mangiato gli italiani muoiono. Gli stranieri no.




Perché a Roma passano tutti con il semaforo rosso e quando sono passato io la polizia voleva arrestarmi?

Perché non è vero che a Roma passano tutti con il rosso. Succede a certi semafori "poco importanti" e comunque non sorvegliati dalla polizia. Se passi con il rosso ad un grande incrocio, a Roma come all'estero, rischi parecchio.


Perché in molti negozi i commessi si ostinano a parlare con me in un orribile inglese anche se io parlo abbastanza bene l'italiano?

Perché lo considerano una gentilezza e non una scortesia. Se proprio ti dà fastidio, rispondigli nel tuo perfetto inglese: loro non capiranno niente e riprenderanno a parlare italiano.  

Perché in centro non si vedono bambini? Perché non ci sono bambini  

Perché le donne e specialmente le ragazze se vanno anche a comprare solo un chilo di frutta si vestono come se andassero in discoteca?

Questa cosa l'ho sentita spesso. Ma io non ci ho mai fatto caso. Quindi la risposta è: non lo so.  

Perché gli italiani hanno l'ossessione della digestione (Non ho digerito, bevi questo che fa digerire, non fare il bagno per tre ore durante la digestione, ecc. ecc.)?

Altra domanda difficile a cui non so rispondere (queste domande mi stanno rovinando la digestione!)  



Perché quando in un bar chiedo a un amico italiano se vuole un cappuccino lui guarda l'orologio prima di rispondere?

Perché il bere, come il mangiare, ha i suoi riti e i suoi ritmi. Perciò è strano un cappuccino nel primo pomeriggio, un Campari dopo cena, il caffè di sera. E soprattutto ricorda: giovedì gnocchi, venerdì pesce, sabato trippa.  

Perché quando dico che sono nato venerdì 17 novembre alle ore 17 molti italiani mi fanno le corna?

Non ti fanno le corna, ma fanno le corna come gesto di scaramanzia. Infatti il 17 è il "numero nero" dei superstiziosi, come il 13 in molti altri paesi. Il 13, in Italia, porta sfortuna solo a tavola.  

bottom of page