top of page

Meglio una canzone?

Quando Berlusconi scriveva canzoni

9 novembre 2003

b2

Roberto Tartaglione

No

I materiali di Matdid sono scaricabili liberamente come supporto per lezioni di italiano. Ne è vietata la pubblicazione su carta o in formato digitale salvo autorizzazione.

Qualcuno potrebbe pensare che la nostra critica un po' impietosa al "Berlusconi autore di canzoni" sia dettata dalla nostra antipatia per il "Berlusconi politico" e che perciò non sia obiettiva. Può essere.


 

Se Capurro e Di Capua ci hanno dato 'O sole mio; se Nicolardi e Mario ci hanno dato Tammuriata nera; se Califano e Cannio ci hanno dato 'O surdato nnammurato, ecco che la coppia Berlusconi-Apicella ci regala nuove canzoni napoletane raccolte in un album che si chiama Meglio una canzone.



Il Cd è in vendita in tutti i negozi di musica dai primi di novembre del 2003. Il costo è di 20 Euro. Ma all'interno del cd c'è una cartolina che permette di partecipare a un concorso! Il concorso è riservato alle coppie che si sposeranno entro il 30 giugno del 2004.

Fra tutte le cartoline ricevute entro il 31 gennaio 2004 Mariano Apicella ne selezionerà tre (una coppia del nord-Italia, una del centro e una del sud) e... andrà a suonare personalmente al matrimonio dei fortunati!

Un solo appunto al cd: nel libretto che contiene i testi delle canzoni troviamo scritte le frasi (anzi i versi):

- ma ora sò cosa sei per me (so con l'accento?)

- vocca bella ca cchiù bellla nun ce stà (bella con 3 elle? stà?)

- vocca doce cca cchiù doce nun ce stà (un altro sta con accento?)

- sultanto 'n'anno fà (apostrofi e accenti in libertà?)

- 'o core nun ce stà (di nuovo?!)

- 'o destino pe' mmè (non solo c'è l'accento, ma anche accento grave!)

- tengo sul'a ttè (e magari anche un caffè?)

- stò perdendo 'o suonno (una licenza poetica?)

- o cielo se fà blù (questo è davvero troppò!)

Insomma, siamo un po' preoccupati.

Il fatto è che non possiamo credere che una persona così attenta all'immagine come è il Presidente del Consiglio abbia trascurato di controllare il suo cd.

E allora?

E allora, quando Berlusconi aveva problemi con il bilancio delle sue società ha fatto una nuova legge sul falso in bilancio. Quando aveva problemi con la proprietà delle sue televisioni ha fatto una nuova legge sulle televisioni. Quando aveva problemi con un processo ha fatto una nuova legge per cui non si può processare un Presidente del Consiglio.

La nostra preoccupazione è questa: se Berlusconi ora ha dei problemi con la grammatica... cosa farà? Una seconda edizione del libretto o una riforma della grammatica?


Breve illustrazione dei contenuti delle canzoni

01: Col cuore in gola (testo in italiano): io ti amo, ma tu mi ami? Mah!

02: Meglio 'na canzone (testo in napoletano): ti ho rimorchiato l'altra estate in vacanza, ma dopo un anno sei tornata e chiedi il conto.

03: Colpa mia (testo in italiano): te ne sei andata per colpa mia. Ma prima o poi torni.

04: Ma come fai (testo in italiano): se passi la notte fuori e io ho voglia di fare sesso non so come cavarmela.

05: Ammore senza ammore (testo in napoletano): continui a stare con me ma mi sa che lo fai solo per interesse.

06: Nuie ca facimme sunnà (testo in napoletano): passo la notte a scrivere canzoni: tu ti scocci e prima o poi te ne vai con un altro.

07: Io sarò te (testo in italiano): Il solito vizio di fare tante promesse per domani.

08: 'A gelusia (testo in napoletano): sono geloso e un tantino paranoico.

09: Pe' nun te penzà (testo in napoletano): invece di lavorare passo il tempo a pensare a te.

10: Senza te (testo in italiano): Fra stare con te o stare senza te scelgo la prima opzione.

11: Nun pò fernì (testo in napoletano): le cose vanno bene così e non provare a cambiarle.

12: Questo falso addio (testo in italiano): dici che te ne vai ma mica dici sul serio, vero?

13: 'Stu nummero 'e telefono (testo in napoletano): spendo tanto per chiamarti al telefono e mi viene voglia di comprare la compagnia telefonica.

14: Non ti sveglierò (testo in italiano): stanotte mi sono svegliato e avrei voluto fare qualcosina con te: ma tu hai un caratteraccio e ho preferito non svegliarti e aspettare la mattina.


I richiami a testi di altre canzoni (citazioni o scopiazzature?)

Ammore mio... mon amour (vedi Suspiranno mon amour, di Cesareo - Lombardi)

Ti cerco e non ci sei (Vedi Balla Linda di Lucio Battisti: ti cerco e tu e tu ci sei)

Ma ora so che cosa sei per me (vedi Un'ora sola ti vorrei di Berini - Marchetti, 1938: un'ora sola ti vorrei per dirti ancor nei baci miei cosa sei per me)

Il nostro amore non potrà finire mai (vedi Il ricordo di un istante di Riccardo Cocciante: un amore come il nostro non potrà finire mai)

La notte senza te non passa mai (vedi E Poi di Giorgia, 1994: la notte che non passa mai)

St'ammore com'è amaro (vedi Ammore amaro di Mario Trevi; Ammore amaro di Mario Abbate; Capinera di De Sio Buckmaster: è ammaro st'ammore)

Te guardo dint'all'uocchie (Vedi Uocchie 'ncantatore di Totò: Te guardo dint' all'uocchie e veco 'o mare)

Me tremmano 'sti mmane (vedi Che Malaspina di Fusco - Cioffi: veco ca me tremmano 'sti mmane)

Me sbatte 'mpietto o core (Vedi Uocchie ca me parlate di Totò: me sbatte 'o core 'mpietto)

Nun me fà cchiù campà (vedi Dicitincello vuie di Fusco - Falvo: E' 'na passiona / cchiu' forte 'e 'na catena / ca me turmenta l'anema / e nun me fa campa' )

Femmene belle accussì dint'allanema no, nun teneno ammore (vedi Malafemmena di Totò)

a notte che verrà (vedi Notte che verrà di Mia Martini - G. Guglielminetti)

Ti parlerò, ti pregherò, ti sognerò, ti stringerò (per accumulazioni verbali al futuro vedi Senza te di Lucio BattistI: continuerò, camminerò, lavorerò, qualche cosa farò)

Dint'a stu core tengo sul'a ttè (vedi Marina piccola di Cesareo - Ricciardi, 1955: dint'a stu core quanti ccose belle tengo annascuse e nun 'o può sapè)

Te voglio bene ma me faie suffrì (vedi Tu ca me faie suffrì di Schettino - Ruocco, 1944)

Te chiammo e nun rispunne (vedi Anema e core di D'Esposito - Manlio: te chiammo e nun rispunne pe' fá dispietto a me...)

Te cerco e nun ce staie (vedi poesia Nustalgia di Renato Bromuro 1947: arape ll'uocchie, te cerco e nun ce staie)

Aggio perduto o suonno dint'a 'st'uocchie tuoie (vedi Aggio perduto o suonno di Redi - Natili; e vedi anche Dicitincello vuie di Fusco - Falvo: Dicitencello a 'sta cumpagna vosta ch'aggio perduto 'o suonno e 'a fantasia...)

'Na musica che trase dint'o core (vedi Tu si 'a malincunia di Aurelio Fierro: Tu si' 'a malincunía ca trase dint''o core...)

Respiro il tuo respiro (Vedi L'edera di Seracini - D'Acquisto: son qui, respiro il tuo respir, son l'edera legata al tuo cuor)

Perdendomi con te... in braccio a te (Vedi Uocchie 'ncantatore di Totò: i' me vulesse perdere... stanotte 'mbraccio a tte!)

I richiami a musiche di altre canzoni (citazioni o scopiazzature?)

I motivi delle 14 canzoni si richiamano al tradizionale melodico italiano: in "Colpa mia" il verso Verrò a cercarti amore grande amore mio non può non evocare La donna cannone di Francesco de Gregori; in Ma come fai tutta la prima strofa riporta pienamente nell'atmosfera introduttiva di Domenica bestiale di Fabio Concato; e quando in Io sarò te i versi del poeta declamano Io ti porterò dentro di me, ti parlerò, ti pregherò, ti sognerò, ti stringerò, solo un orecchio molto disattento può ignorare che le note musicali si dipanano sul ritmo di Io voglio per me le tue carezze (In ginocchio da te di Gianni Morandi).

E ancora: in Questo falso addio al verso Vedrai che più di prima per noi si sente forte l'influenza cultural-musicale di Claudio Baglioni, mentre in Pe' nun te penzà l'incipit è una splendida fusione di Per una lira di Lucio Battisti e del Triangolo di Renato Zero.

Più evidente invece è l'influenza musicale della tradizione popolare e dialettale. Nella canzone Ammore senza ammore la corrispondenza metrica e musicale tra alcuni versi e quelli della Malafemmena di Totò è davvero straordinaria. Provate a sentirle e diteci se abbiamo ragione!

MALAFEMMENA

(di Totò)

Si avisse fatto a n'ato

chello ch'hê fatto a me,

st'ommo t'avesse acciso...

e vuó' sapé pecché?


AMMORE SENZA AMMORE

(Berlusconi / Apicella)

Te guardo dint'all'uocchie

tu guarde chillu llà

T'astregno forte 'mpietto

tu pienz'e me lassà

Un'ultima assonanza musicale l'abbiamo trovata fra la canzone Sempre di Gabriella Ferri e i versi Co' stesso nomme tuoie io chiammo tutt'e cose... nella canzone "'Stu nummero 'e telefono". Alla fine della canzone il motivo è ripetuto in versione solo strumentale: un'ottima occasione per giocare al karaoke! Sulla stessa musica si possono cantare due canzoni diverse!


bottom of page